Maria Vittoria Cusumano Green Carpet

MFW. GLI OSCAR DELLA MODA SOSTENIBILE

3 mins read
Start

Gran soirée a chiusura di questa meravigliosa Fashion week milanese con i Green Carpet Fashion Awards 2018, seconda edizione dei premi dedicati alla moda sostenibile, organizzati da Camera Nazionale della Moda Italiana ed Eco-Age e ospitato al Teatro alla Scala. Ovvero l’evento più cool e atteso di tutti. Vi dico soltanto che la piazza del teatro era chiusa al traffico già dal pomeriggio, per consentire l’istallazione del tappeto più grande del mondo: una distesa verde di 1700 metri quadrati, ornati di disegni di colibrì.

Maria vittoria Cusumano e Anna Wintour
Maria Vittoria Cusumano e Anna Wintour al Green Carpet Fashion Awards 2018

Quando sono arrivata si sentiva un magico cinguettio diffuso di sottofondo. Poi è cominciato il grande evento, con una parata di celebrità dal mondo della moda, della comunicazione e del cinema. I Green Carpet Awards sono una serie di premi che vengono assegnati per l’impegno nella tutela dell’ambiente. Molti ormai li considerano gli Oscar della moda per la fama che stanno acquistando a livello internazionale. Molti abiti indossati dalle star avevano un animo green: seta biologica, applicazioni di metallo riciclato, cristalli realizzati con procedure perfettamente ecologiche. E tanti abiti verdi, naturalmente. Strepitoso quello indossato da Cindy Crawford e firmato Versace. Julianne Moore incantevole in un morbidissimo abito viola di Ferragamo.

Cate Blanchett in bianco Armani era talmente bella ed elegante che i fotografi non riuscivano a smettere di scattare. Tra i premi all’insegna dell’ecosostenibilità, voglio dirvene almeno un paio: Diego della Valle e Renzo Rosso premiati da Emily Ratajkowski e Petra Nemcova per aver investito tanto nelle produzioni artigianali. Premiata anche la celebre fabbrica Bonotto, esempio di slow factory già alla quarta (è stata fondata nel 1912: inizialmente produceva cappelli di paglia, oggi fa tessuti d’alta qualità). Cindy Crawford ha premiato Donatella Versace per il suo impegno nella sostenibilità a partire dalle sue scelte “fur free” e dalla realizzazione di spazi di vendita green. Il premio come miglior stilista emergente lo ha vinto Gilberto Calzolari. Ha realizzato un abito fatto con sacchi di juta provenienti dal Brasile e acquistati sul mercato dei Navigli a Milano; foderato con mussola di cotone naturale e impreziosito da un ricamo di motivi floreali giapponesi in cristalli Swarovski, era semplicemente incantevole.

Previous Story

IL 2019 SARA’ L’ANNO DEL TRAIL RUNNING

Next Story

COME FRONTEGGIARE IL RITORNO DEGLI ANNI 80

Latest from News

GLI NFT DI STRANGER THINGS

Netflix ha collaborato con Candy Digital per produrre una serie di oggetti da collezione NFT di Stranger Things. La prima raccolta