L’ ARCA DI NOÈ DI STELLA MCCARTNEY A PARIGI

2 mins read
Start

Animali in passerella, o meglio modelli con costumi di animali. Per mandare un messaggio chiaro: le pellicce stanno meglio su di loro che su di noi umani. È il nuovo messaggio della collezione A/I 2020 di Stella McCartney. 10 modelle vestite con tutine “animalier”, tra cui una mucca, un maiale, un coniglio, una volpe e un coccodrillo che hanno chiuso lo show. Alcuni di loro avevano borse a tracolla su una spalla, altri invece salutavano gli ospiti che erano seduti su cubi riutilizzabili all’interno dello spazio espositivo privo di plastica e carbon neutral nell’Opéra Garnier di Parigi.


Punto focale della collezione è un piccolo saggio sulle nuove fibre ecocompatibili utilizzate nella collezione. Più che forme e colori, nei modelli della stilista paladina dell’ambiente, fanno notizia i ritrovati come il cashmere riciclato e il montone spettinato “no cruently”. La palette è un misto tra toni di terra, minerali, sabbia, nocciola, argilla, noce e blu navy.

Per la stilista britannica la celebrazione della natura e dei suoi abitanti è un punto cardine irrinunciabile nella concezione delle sue collezioni. La collezione della Parigi Fashion Week 2020 è un’ispirazione ai lavori del pittore e scultore francese Erté, artista che la designer ha conosciuto quando era bambina.

Ultimo ma non meno importante, l’allestimento dello show è stato realizzato utilizzando gli oggetti da quello precedente e ovviamente  plastic free. Vegano era anche il menù del cocktail.

Previous Story

KANYE WEST E IL NUOVO MODO DI FARE MODA

Next Story

CHANEL A/I 2020. UNA SFILATA “EN PLEIN AIR”

Latest from Fashion

GUCCI REGALA STELLE

Stasera, in occasione del fenomeno astronomico detto Superluna di Sangue, ossia un’eclissi