UNA RARISSIMA HERMÈS PER TRAVIS SCOTT

2 mins read
Start

Che cos’hanno in comune Pharrell Williams, Kendall Jenner e Travis Scott? Semplice, una borsa di Hermès! Ma non una qualsiasi, né la Kelly né la Birkin, bensì la Haut à courroies. Si tratta della maggiore tra le borse della maison, affettuosamente battezzata “la primogenita della famiglia”, nata ancor prima dell’automobile, all’inizio del 1900.

Concepita inizialmente per trasportare le selle e gli stivali da equitazione, questa borsa ingegnosa e funzionale non ci ha messo troppo tempo a conquistare i più esigenti viaggiatori. Merito della sua generosa apertura, la forma trapezoidale, il design essenziale, le pratiche cinghie e soprattutto la voluminosa capienza. Ora rappresenta un vero e proprio grail, estremamente raro da possedere e con un prezzo che sul mercato secondario si aggira intorno ai $23.000. Un simbolo indiscusso di esclusività e lusso.

Ottenendo questo status è dunque diventata l’oggetto dei desideri di numerose star, tra cui proprio Travis Scott, un personaggio che di certo non passa inosservato per il suo stile sempre originale. Nella sua ultima apparizione a New York City, il rapper è stato infatti paparazzato con un vistoso modello della Hermès Haut à courroies in pelle di coccodrillo marrone nella misura 50, la più ampia, capace di trasportare praticamente tutto il necessario per il weekend.

Piuttosto curioso è poi l’outfit con il quale l’artista ha voluto abbinare la it-bag, composto da una t-shirt vintage dell’Ozzfest, la maxi chain “Melted Utopia Dream” commissionata a Eliantte & Co. con la collaborazione di Takashi Murakami, un paio di jeans e una versione inedita delle sue Nike Air Max 1 “Cactus Jack”. Oltre alla rarissima valigia Alzer 80 di Louis Vuitton x Takashi Murakami risalente al 2003.

Previous Story

DOPO 53 ANNI, RITORNA BALENCIAGA COUTURE

Next Story

LE ULTIME SNEAKERS ADIDAS & PRADA MUST HAVE PER L'ESTATE

Latest from Fashion

GUCCI REGALA STELLE

Stasera, in occasione del fenomeno astronomico detto Superluna di Sangue, ossia un’eclissi