/

Un must del momento: l’intramontabile cult dei coord suits

La moda di stagione è comfy chic, fatta di raffinati e colorati abiti coordinati da indossare in qualsiasi occasione, dall’ufficio al tempo libero fino alle cerimonie più eleganti, insomma un salva look pratico e veloce, un must da avere sempre nell’armadio! L’intramontabile cult dei coord suits torna a conquistare i guardaroba di questa primavera/estate 2019 con stampe, pattern e fantasie di tutti i tipi. Il trend più cool è impresso sui tessuti animalier, sui floreali e i tartan ma non mancano tuttavia le canoniche versioni monocolore, che vanno dalle nuance vivaci e brillanti alle più delicate gradazioni pastello.

Conosciuti più semplicemente come tailleur, i coord sono caratterizzati da blazer oversize, da indossare da soli, con la classica camicia, la t-shirt o con un delizioso cardigan a trecce e da pantaloni dal fitting morbido e rilassato, a vita alta o tradizionale, preferibilmente svasati sul fondo, conferiscono una facile e comoda soluzione per apparire impeccabili e glamour in soli pochi minuti.  Gli abiti coordinati, poi, si abbinano facilmente con tutte le scarpe di tendenza: sneakers, pumps e sandali, per un risultato sempre nuovo e sorprendente!

Dalle passerelle arrivano i micro check vibranti di Versace, la pelle liscia nelle sue tonalità più intense proposte da Tod’s, i colori neutri di Ermanno Scervino e Giambattista Valli e le nuove versioni più estive e d’avanguardia lanciate da Tibi e Marc Jacobs, fatte di coordinati bermuda e gonne-pantalone, per non parlare del più particolare e ultra fashion tailleur firmato Chanel, rigorosamente in maglia e con tanto di pantaloni da ciclista!

Non siete ancora riuscite a trovare il coordinato che più si addice al vostro stile? Vi segnaliamo i modelli più glam, accessibili a tutte le tasche, come i coord suits di Zara, nelle sue numerosissime proposte o quelli di Asos in una vasta gamma adatta a tutti i gusti. E allora, datevi da fare anche voi per coordinare al meglio il vostro look preferito!

Elena Tamborini