//

JACKIE O’

Dagli anni Settanta, più precisamente dal 1972, in via Boncompagni il punto di riferimento per gli appassionati della musica e della mondanità è senza dubbio il Jackie O’.

Beatrice e Gilberto Iannozzi ideatori e fondatori del club hanno voluto omaggiare lo stile e l’eleganza senza tempo di Jacqueline Kennedy divenuta poi Jacqueline Onassis, ma a tutti nota come Jackie O per l’appunto.
Club, ristorante, location per eventi esclusivi questa l’anima del Jackie O’.

 

Una vera innovazione per l’epoca trasformare un teatro in un club dalle molteplici anime.
Qui hanno suonato i più prestigiosi e amati dj del panorama nazionale e internazionale. La musica live è un must del club. Musica House e Commerciale, revival anni ’70, ’80, ’90, musica italiana e non solo il Jackie O’ accontenta tutti i gusti. Una location spaziosa in cui oltre a ballare si possono degustare ottimi drink.

Più intima e dalle luci soffuse l’area dedicata al piano bar. Pianoforte a coda, divanetti in pelle, grandi specchi rendono questa location sofisticata e di classe. Il maestro Michele Contesi allieta ogni notte i suoi ospiti suonando dal vivo la sua tastiera.
Non solo musica, il Jackie O’ è anche e soprattutto ristorante. Ad occuparsene è Veronica Iannozzi, figlia di Beatrice e Gilberto. Cresciuta tra queste mura ricche di storia e di storie Veronica non poteva che dedicarsi a una delle anime fondamentali del Jackie O’.
Ciò nonostante la madre ancora oggi è uno dei pilastri portanti, non salta un solo giorno di lavoro. La sua presenza è ormai una tradizione a cui non si può rinunciare.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

I piatti proposti dagli chef Federico Sparaco e Stiven Toro puntano sulle materie prime e sulla stagionalità dei prodotti. La loro attenzione per il cibo è esaltata da un mix perfetto tra innovazione e tradizione.
Ma non si può parlare del Jackie O’ senza nominare Carmelo. Chi frequenta il club sa bene di chi si sta parlando e non servono presentazioni. Per chi ancora non ha avuto il piacere di andarci vi diremo solo che il “gigante buono”, quando lo vedrete capirete il perché, nasce come buttafuori per poi diventare l’uomo di fiducia del Jackie O’. Ora è parte integrante della famiglia Iannozzi. Se serve qualcosa basta chiedere a Carmelo, se ne occuperà lui!