L’ARTE SECONDO MONCLER

2 mins read
Start

Milano, vulcano di idee, di cose da fare, di cose da vedere e tra queste non poteva sfuggirci ciò che è accaduto in Galleria Vittorio Emanuele II.
Due gli elementi fondamentali per questa performance: il genio di Vanessa Beecroft  e la voglia di comunicare di Remo Ruffini .
Un incontro tra artisti che ha generato qualcosa di inedito e innovativo.
L’antica e classica Galleria Vittorio Emanuele II di Milano si è trasformata per una sera in una passerella, in un palcoscenico in cui abbiamo visto esibirsi modelle e ballerine. Addosso solo una giacca Moncler  vintage rispolverata dall’archivio dello stesso brand.


Un’immagine forte e indelebile, un messaggio chiaro e comunicativo. Vanessa Beecroft ha messo in mostra la sua idea di umanità, con tutte le sue differenze, con tutti i suoi colori, con tutte le sue forme.
Una performance per inaugurare il concept store temporaneo che rimarrà aperto fino all’inizio del 2020, come i due negozi di Tokyo e Parigi.

Maria Vittoria Cusumano

Il progetto Moncler Genius  si avvicina più al mondo dell’arte che a quello dell’abbigliamento classico. Infatti gli store sono delle vere e proprie gallerie in cui ammirare i capi messi in esposizione. Una scelta coraggiosa in un mondo così digitalizzato e veloce, ma Moncler punta sulla qualità e sull’unicità e queste sono sempre mosse vincenti.
Non ci resta che aspettare il 2020 per vedere come ci stupirà Remo Ruffini.

Previous Story

MET GALA 2020. IL TEMA DI QUEST’ANNO SARÀ LA RELAZIONE TRA TEMPO E MODA.

Next Story

DAYDREAM BY VALENTINO: PAROLA CHIAVE VIAGGIO

Latest from Fashion

GUCCI REGALA STELLE

Stasera, in occasione del fenomeno astronomico detto Superluna di Sangue, ossia un’eclissi