BURJ AL BABAS: LA CITTÁ FANTASMA DELLA DISNEY

2 mins read
Start

L’architetto che ha progettato questo villaggio, sarà stato sicuramente un appassionato dei film di Walt Disney. Ma il mondo della fantasia non sempre parla la stessa lingua del mondo degli affari. Lo sanno bene i cittadini di Bolu, in Turchia, dove il villaggio Burj al Babas si è trasformato in una distesa di castelli fantasma. Ma cosa è accaduto?

L’area di Burj Al Babas Villa comprende circa 300.000 metri quadri di superficie, si trova a ridosso di un bosco, che è stato in parte abbattuto per consentire la costruzione delle 732 unità immobiliari, di una moschea e di un grande centro commerciale. Il progetto iniziale iniziato nel 2014, era quello di realizzare un villaggio con abitazioni di prestigio ispirate ai castelli della Loira, per fornire sistemazioni di lusso ai compratori stranieri. Un luogo incantato dove poter trascorrere le vacanza, tra mosaici, piscine, fontane, bagni turchi e centri benessere e bellezza. Pensate che ogni castello ha una superficie di 325 metri, è composto da tre piani, da una torretta cilindrica e da un abbaino. Le abitazioni più prestigiose si affacciano su un lago artificiale.

 

Ma quella che doveva essere una fiaba stile Walt Disney è diventata una puntata di Walking Dead. Oggi questo villaggio è completamente disabitato. Qualcosa è andato storto e il progetto è rimasto senza i fondi e fermo dal 2015. Gli investitori sono stati bloccati da una sentenza fallimentare per un debito di 27 milioni di dollari maturato per la costruzione del Burj Al Babas. Prima della bancarotta sono state completate 587 abitazioni, vendute a prezzi esorbitanti che oscillano dai 370.000 dollari ai 530.000 dollari. 

Burj Al Babas si trova nel distretto provinciale di Bolu e dista circa tre ore da Istanbul.

Previous Story

ALEXANDRE ARNAULT A CAPO DI TIFFANY&CO

Next Story

NON AVETE IL POLLICE VERDE ? CI PENSA LEGO

Latest from News

GLI NFT DI STRANGER THINGS

Netflix ha collaborato con Candy Digital per produrre una serie di oggetti da collezione NFT di Stranger Things. La prima raccolta