ZARA CHIUDE 1200 NEGOZI IN TUTTO IL MONDO

2 mins read
Start

Neanche il più grande colosso del fast fashion Zara è stato risparmiato alla crisi che segue il post-coronavirus. Zara ha infatti deciso di chiudere tra i 1000 e 1200 punti vendita in tutto il Mondo, visto il calo delle vendite del 44% nel primo trimestre (pari al 409 milioni di euro). Una decisione importante che però lascia sperare visto che il proprietario ha garantito un ricollocamento. Index punterà su retail più grandi e sul digitale. A questa decisione corrisponde infatti la riapertura di 450 store e un investimento cospicuo nella vendita online che, nell’ultimo trimestre ha registrato un incremento del 50%.
Infatti molti più consumatori hanno capito  che la vendita online può essere piacevole, fatta comodamente sul proprio divano senza dover affrontare folla, caldo, mascherine e fretta nel provare. Come da casa è stata fatta anche l’ ultima campagna pubblicitaria di Zara. Inoltre la vendita digitale ha due punti a favore: le spese di spedizione gratuite (anche se oltre un minimo di spesa) e l’eventuale reso.Una strategia che in molti casi ha funzionato, portando ad un notevole incremento del volume di affari.


Ricordiamo però che in molti casi non è stato cosi. Il colosso competitor di Zara, H&M, si è visto chiudere solo in Italia ben 8 negozi. Molti consumatori hanno iniziato a preferire meno capi fast fashion ma più capi e accessori vintage, evergreen e sostenibili.
È la fine del fast fashion o solo un riavvicinamento verso un consumo più digitalizzato ? Persino la maison romana Bulgari ha deciso di lanciare una nuova esperienza di shopping online incentrata sui gioielli dell’Alta Gioielleria.

Previous Story

CELINE PRESENTA LA NUOVA 16BAG

Next Story

LONDON FASHION WEEK: ASSENTI I BIG BRAND

Latest from News

GLI NFT DI STRANGER THINGS

Netflix ha collaborato con Candy Digital per produrre una serie di oggetti da collezione NFT di Stranger Things. La prima raccolta