LE BIRKIN DIVENTANO “METABIRKIN”

2 mins read
Start

Le Birkin di Hermés nell’Olimpo delle luxury bag occupano da sempre il primo posto. Non esiste rivoluzione all’interno della moda o delle tendenze che possa diminuire il loro straordinario fascino. Anzi, il mercato del vintage ha raggiunto per questi iconici oggetti del desiderio cifre astronomiche. L’ultima Birkin che ha fatto notizia – la più rara e costosa venduta su Vestiaire Collective – ha raggiunto una cifra di 112mila euro.

Così ambite che un artista digitale di Los Angeles, Mason Rothschild, pensato di creare e vendere una collezione di sole 100 MetaBirkin: le borse ispirate all’iconico modello Hermès nel metaverso.

Mason Rothschild ha introdotto le MetaBirkin sotto forma di NFT (Non-fungible Tokens), come parte di un progetto presentato all’Art Basel Miami, ma vediamo nel dettaglio come funziona questo meccanismo.

Cosa significa trasformare una borsa Birkin in un Non-fungible Token? Un NFT è essenzialmente “un certificato digitale unico, registrato in una blockchain, che viene utilizzato per registrare la proprietà di un bene come un’opera d’arte o un oggetto da collezione”. Sempre a patto che “l’opera” in sé sia originale.

Le borse digitali create da Mason Rothschild non sono assolutamente originali, eppure c’è stato chi si è rivelato pronto ad acquistarle. I prezzi sono saliti gradualmente alle stelle “fino a raggiungere quasi i reali prezzi delle vere Birkin”. Alcune vendite in criptovaluta avrebbero infatti toccato i 50mila euro.

La casa di moda Hermès ha già preso le distanze ed intrapreso le vie legali; un portavoce della maison ha dichiarato al Financial Times che “questi NFT violano la proprietà intellettuale e i diritti sul marchio, e sono un esempio di falsi Hermès riprodotti nel metaverso”.

Intanto molti altri brand come Nike e adidas già sono approdati nel metaverso.

 

Previous Story

BEYONCE LANCIA IL SUO TIKTOK ACCOUNT

Next Story

IL DROP SUPREME DI NATALE

Latest from Fashion

GUCCI REGALA STELLE

Stasera, in occasione del fenomeno astronomico detto Superluna di Sangue, ossia un’eclissi