ADIDAS A SOSTEGNO DELLA BLACK COMMUNITY

2 mins read
Start

La scorsa settimana, un gruppo di 13 dipendenti Adidas in rappresentanza di 150 colleghi ha richiesto che il colosso dell’abbigliamento sportivo apporti delle modifiche in tema di equità e pari diritti, in particolare che la società “investa nei suoi dipendenti neri e nella comunità nera; investa nella lotta per la giustizia razziale e il cambiamento e che dimostri un senso di responsabilità e solidarietà, nei confronti dei fatti che stanno infiammando l’America .
In risposta a questa lettera, Adidas ha ora annunciato una serie di nuove iniziative. L’annuncio principale da parte del colosso dell’abbigliamento sportivo è l’investimento di 20 milioni di dollari in programmi a sostegno della comunità nera. Inoltre, la società si impegna a finanziare 50 borse di studio universitarie per i dipendenti neri e sia Adidas che Reebok hanno annunciato piani per aumentare la rappresentanza dei neri e dei latini nelle loro forze di lavoro.


L’amministratore delegato di Adidas Kasper Rorsted ha spiegato come le proteste in tutto il mondo abbiano portato il marchio a riflettere su ciò che possiamo fare per affrontare le forze culturali e sistemiche che sostengono il razzismo. “Abbiamo dovuto guardarci dentro come individui e riflettere sui sistemi che svantaggiano e mettono a tacere individui e comunità neri. Abbiamo parlato dell’importanza dell’inclusione, dobbiamo fare di più per creare un ambiente in cui tutti i nostri dipendenti si sentano al sicuro, ascoltati e abbiano pari opportunità di avanzare nella propria carriera. Come Adidas, creeremo un cambiamento duraturo e lo faremo ora.
Recentemente  Adidas ha unito per la prima volta, le forze con il suo storico competitor Nike per dire no al razzismo e alla violenza.

Previous Story

L’UOMO DI ETRO È UN DANDY ECLETTICO

Next Story

KENZO E VANS PER UNA CO-LAB FOOTWEAR

Latest from News

GLI NFT DI STRANGER THINGS

Netflix ha collaborato con Candy Digital per produrre una serie di oggetti da collezione NFT di Stranger Things. La prima raccolta